Mediobanca - CEO


Alberto Nagel è stato nominato CEO di Mediobanca nel 2008 in continuità con un percorso professionale interno incominciato con l’assunzione avvenuta nel 1991.
Nel corso degli anni ha ricoperto incarichi di responsabilità prima nel Servizio Finanziario, poi al Segretariato Generale e quindi nella divisione Investment Banking, partecipando ad alcune delle più importanti operazioni di M&A e di privatizzazione italiane. Nel 1998 viene nominato Direttore Centrale, nel 2002 Vice Direttore Generale, nel 2003 Direttore Generale. In questa veste nel 2004 ha presentato alla comunità internazionale il primo piano industriale della Banca, iniziando un percorso di sviluppo strategico che negli anni ha ridisegnato il Gruppo. In particolare, sotto la sua guida, Mediobanca ha sviluppato il Corporate & Investment Banking sui mercati esteri, il polo retail (Compass e CheBanca!) e l’Alternative Asset Management. Nel 2016 ha presentato un nuovo piano strategico che accelera lo sviluppo e l’integrazione con la definizione di un’area di Wealth Management, sinergica con l’area CIB e trasversale alle società del Gruppo. E’ in questo quadro di rafforzamento delle competenze e delle specializzazioni che si inseriscono, quindi, le acquisizioni di Cairn Capital, di Barclays Italia, di Banca Esperia e di RAM Active Investiments.

Informativa breve cookies

Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento del sito stesso ed utili alle finalità illustrate nella informativa cookies. Il sito consente l'invio di cookie di profilazione anche di "terze parti".

L’informativa estesa è reperibile al link ove vengono fornite indicazioni sull'uso dei cookie. Alla pagina dell'informativa estesa è possibile trovare le indicazioni utili a disabilitare l’uso di cookies.

La prosecuzione della navigazione mediante chiusura del presente banner, scorrimento della pagina presente o accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un link - ad eccezione di quello sopraindicato di rinvio all’informativa – o di un'immagine) comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie.